Scopriamo “Il Diario di Itaca Reveski”

Scopriamo “Il Diario di Itaca Reveski”

itaca reveski gianmarco ricasoli il diario di itaca reveski copertina

Oggi tramite il nostro profilo Groover ci è arrivato un diario.
Forse sarebbe più corretto dire che è “tornato a far visita al nostro porto” un viaggiatore, più che un artista: Itaca Reveski.

Abbiamo avuto il grande piacere di poterlo accompagnare durante il suo primo anno di progetto con le prime pubblicazioni e siamo felici di vederne la continua crescita e ricerca artistica di questo suo viaggio in musica.

Quanto segue è il suo racconto del nuovo disco, “Il diario di Itaca Reveski”, che vi invitiamo ad ascoltare.

itaca reveski gianmarco ricasoli il diario di itaca reveski copertina

La mia storia: itaca reveski

Sono un viaggiatore.
Un po’ tipo Ulisse, ma con una chitarra, che per me è l’unica cosa che somigli ad una casa.
Un giorno, in Islanda, ho trovato un diario. Era il diario di una ragazza chiamata Itaca Reveski. Dall‘aspetto sembrava essere un po’ vecchiotto, ma leggendolo ho capito che in realtà non sarebbe dovuto proprio esistere.
I ricordi che vi sono raccolti dentro parlano del nostro presente e vanno anche oltre, come se lei ora si trovasse lì, oltre. Nel futuro.
Leggendo le sue riflessioni e i suoi pensieri me ne sono innamorato e ho deciso di trasformare in canzoni le pagine del suo diario… Riuscirò mai a trovarla? Non lo so. Intanto condivido con te ogni pezzetto di questo incredibile viaggio.

itaca reveski gianmarco ricasoli

Influenze musicali

Generi: Alternative Rock, Post Rock, Indie Pop, Folk, Elettronica Artisti: Ben Howard, Sigur Ros, Apparat, Bon Iver, Wrongonyou, Ginevra, Biffy Clyro.

Il primo album: “Il diario di Itaca Reveski”

Ti scrivo dalla fine.
Una fine che comincia da un giorno freddo, triste e silenzioso a Reykjavík. Non avevo mai passato un momento così, anche quando pensavo di aver conosciuto le più brutte versioni di me stesso. Come in un loop, la fine porta ad un’inevitabile ulteriore fine, una luce e un infinito susseguirsi di spento-acceso, fino a che l’uno non si trova a coincidere con l’altro e non si avvertono più sensazioni, né lo scorrere del tempo.

itaca reveski gianmarco ricasoli

Come percepirebbe il tempo un ipotetico dio?
Sono sicuro che, nel caso un’intelligenza superiore esistesse, percepirebbe tutto come accaduto nello stesso istante. Non avrebbe neanche senso il concetto di “istante”. Per ogni suo metaforico tratto sul foglio, infiniti spazi e infiniti tempi si genererebbero. Che ci siano o meno eventuali esseri viventi “eletti” a percepirli.

Un concetto non binario, come non è binario il mondo, anche se è più facile concepirlo così. Probabilmente un concetto che non è neanche possibile “chiamare”, in cui tutti i significati di creazione e distruzione, vita e morte, bianco e nero, bene e male, coincidono e contemporaneamente perdono il senso di esistere. Dalla mia prospettiva umana quel punto sbavato sulla tela universale mi piace chiamarlo “Equilibrio”.

Ti scrivo dalla fine.
Con la consapevolezza di un primo “punto e a capo” e l’ingenuità di un’altra pagina ancora bianca davanti. Riguardo indietro. Chi ero, è diventato chi sono anche grazie a questo viaggio, dapprima senza meta, casuale e caotico. Poi ho trovato questo diario e tutto ha assunto un senso e un obiettivo preciso. Cos’è una meta, se non tutto ciò che proviamo durante il viaggio per raggiungerla?
Itaca Reveski è la meta.
La meta è il viaggio.
Itaca Reveski è il viaggio.

Dal caldo di un fuoco, cullato da suoni e rumori di un bosco, ti mando un abbraccio e ti lascio alla musica. Mi auguro che ti faccia compagnia e ti faccia sentire meno sol* nel viaggio alla ricerca della tua Itaca.

Passi di Itaca Reveski fino ad ora

– “spegnersi.” Uscita insieme all’album l’11/03/2022 viene inserita da Spotify nella playlist editoriale “Rock Italia”.

– “Il diario di Itaca Reveski” pubblicato l’11/03/2022 è recensito da Rockit: “In conclusione Il diario di Itaca Reveski è un disco pop alternativo maturo, sperimentale e con una poetica spiccata e moderna. Si sente forte il lavoro di arrangiamento, la ricerca di un ambiente sonoro ben preciso, la ricerca del particolare e la capacità di non esagerare laddove non è necessario. Il lavoro di produzione restituisce all’ascolto un non so che di misterioso e contemporaneamente di familiare.”

– “Hyperion” uscita l’11/02/2022 viene inserita da Spotify Italia nella playlist editoriale “Fresh Finds Italia”, dedicata alla musica indipendente.
– “girogirotondo” uscita il 15/09/2021 viene inserita da Spotify Italia nella playlist ufficiale “Rock Italia”.

– Primo EP “Sogno solo ari/-\” pubblicato a gennaio 2021 contenente anche una versione personale di “I giardini di marzo” di Battisti.
– “Noovola” (06/06/20) viene inserita da Spotify in due playlist editoriali “A Fine Giornata” e “Una Vita in Università”

– “Delle sirene il c/-\nto” (25/09/20) viene inserita da Spotify Italia nella playlist editoriale “New Music Friday Italia”.

– “Gdbye (0,0)” (10/07/20) viene inserita da Spotify nella playlist editoriale delle migliori uscite settimanali, la “New Music Friday Italia”.

Social e streaming: https://linktr.ee/itacareveski | eMail: itacareveski@gmail.com | tel.: 3272193833

Itaca Reveski: biografia

itaca reveski gianmarco ricasoli

Itaca Reveski (nome d’arte di Gianmarco Ricasoli) è un musicista, produttore e compositore di Nettuno, in provincia di Roma. Scopre la sua passione per la musica in tenera età e dopo studi e varie cover band a 19 anni forma il suo primo gruppo di musica inedita, gli Infinita Symphonia, con 3 dischi all’attivo (2011, 2013, 2018) e collaborazioni con Fabio Lione (Rhapsody), Tim Owens (ex Malmsteen, ex Judas Priest), Michael Kiske (Helloween), Ralf Scheepers (Primal Fear) e Blaze Bayley (ex Iron Maiden).

Nel 2018 entra a far parte della formazione live di Wrongonyou per il “Rebirth tour” con date in tutta Italia e in Europa, tra cui il concertone del Primo Maggio 2018 a Roma.

Nel 2019 si avvicina al mondo delle musiche di sottofondo e delle colonne sonore, collaborando con distributori americani e inglesi e componendo la colonna sonora di “Capuchine Culture” del regista e biologo Luca Marino (premiato al “London independent film awards 2020” e “Calcutta international cult film festival 2020” e sul podio all’”International Wild Life Film Festival 2020”).

Nell’aprile 2020 vede la luce il progetto artistico Itaca Reveski lanciato dal singolo 20:venti (scritta insieme ai suoi follower durante la quarantena da covid19). Il viaggio artistico di Itaca Reveski prosegue con diversi singoli all’attivo, un EP, un album ed un libro in arrivo nel 2022. “Ciò che racconto attraverso la mia musica è metaforicamente il viaggio alla ricerca interiore di se, delle proprie parti naufragate durante le tempeste, al fine di dare una colonna sonora a chi come me, è alla ricerca di qualcosa di più di un percorso di vita standard.”

“Musica per esploratori, parole per sognatori.”

itaca reveski gianmarco ricasoli

Vuoi promuovere la tua musica con il nostro ufficio stampa?

Visita la sezione 0371 Music Press e contattaci tramite il form che trovi nella pagina!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.